Sapevate che…..

Nell’antichità il bouquet della sposa era composto di erbe aromatiche. E, strano ma vero, le due principali erano aglio e timo. Queste dovevano tenere alla larga gli spiriti maligni, che avrebbero potuto influire negativamente sulla futura felicità della coppia.Con il tempo, le erbe sono scomparse nel mazzo nuziale e sono state completamente sostituite dai fiori. Uno di questi era il fiore d’arancio, della cui essenza era solita profumarsi anche la sposa. La composizione floreale è stata anche utilizzata come segreta fonte di comunicazione. La sposa, scegliendo determinati tipi di fiori, intendeva inviare un messaggio al fidanzato, ancora prima di potersi ritrovare a tu per tu e in intimità.

Il Bouquet oggi

Oggi un bouquet è in primis un complemento fondamentale dell’outfit di una sposa, un accessorio irrinunciabile che deve accordarsi con lo stile scelto per la mise. Diventa poi portatore di belle notizie al momento del lancio: la tradizione narra che la nubile che lo afferra al volo riceverà la fatidica proposta e si sposerà per prima. Insomma, è proprio un elemento che non può mancare e che contribuisce a donare ancor più grazia ed eleganza alla sposa.

Tendenze 2017

Ma quali sono le tendenze in voga per il 2017? Quali le forme, i colori più gettonati?

Classico: Per classico si intende una composizione dalla forma tondeggiante, con fiori a gambo corto e dalla corolla importante, come le peonie o le rose, regine di ogni bouquet. Non esagerate nelle misure però se siete minute: meglio un bouquet più contenuto con fiori dalle corolle più piccole.

Country style
: Si sono imposti all’attenzione con discrezione durante il 2016, ma andranno forte nel 2017. Sono i bouquet campestri, quelli composti da fiori e piante, che sembrano appena raccolti da un campo.

Allungato: Richiama lo stile dei bouquet campestri, ma il requisito fondamentale è che i fiori siano a gambo lungo, come la lavanda. Perfetto per spose che scelgono uno stile semplice e abiti dalle linee scivolate.

A cascata: Come recita il nome, questo tipo di bouquet prevede che parte della composizione scenda verticalmente. Imponenti e importanti, sono indicati per spose alte e prestanti, di modo che l’accessorio non adombri la silhouette.

Asimmetrico: Qui la parola d’ordine è stupire. Un bouquet del genere appare come scomposto nella forma e disarmonico nell’accostamento dei colori e delle specie floreali: l’obiettivo è scardinare le tradizioni e le regole, lasciando tutti a bocca aperta. Per spose fuori dagli schemi, che non hanno paura di osare.

Tendenze colori 2017

La tavolozza è variegata e comprende sia le irrinunciabili nuance pastello, come Island Paradise, un azzurro discreto, e Pale Dogwood, un delicato rosa cipria, sia colori più accesi e decisi, come Primrose Yellow, un giallo caldo ma non accecante, Lapis Blue, una profonda tonalità di blu, Flame Orange, un vivace arancione e il fucsia tendente al magenta Pink Yarrow. Nella palette non mancano anche i verdi, con Greenery e Kale, due tonalità simili al militare.

Decisamente troppo per i vostri gusti?
Ely&Cì sono per i colori frizzanti ma anche per la sobrietà, pertanto, per ciò che riguarda il bouquet “sposano” l’idea che con la semplicità non si sbaglia mai!!!
Nel 2017 vince il classico Niagara, un vellutato carta da zucchero che quest’anno spopolerà tra le richieste delle sposine. ?